colonialismi · corpi · emozioni

La morte in offerta risparmio

Immagine

Nemmeno la morte è uguale per tutti. Certe morti sono singole e altre in offerta, come al supermercato.

Oggi muore un boia centenario, residuato bellico del nazismo. Lui è UN morto.

Ma oggi ce ne sono circa una CINQUANTINA. Si è rovesciato un altro barcone al largo di Lampedusa. Le vittime si aggiungono alle CENTINAIA della strage del 3 ottobre. Morti di gruppo. Nemmeno il tempo di far loro i funerali, che si aggiungono questi nuovi defunti.

Ho visto immagini di bare impacchettate una sull’altra. Mi hanno ricordato le merendine in offerta al supermercato.

C’è chi reagisce pensando che questo non succederebbe se chi arriva in quel modo  potesse farlo alla luce del sole.

Altri pensano che immaginare di aprire un canale umanitario sia demagogico, a causa del nostro sistema sociale al collasso. Mi vengono in mente i racconti di guerra, quelli in cui gente alla fame nascondeva a rischio della propria vita altra gente per evitarne la deportazione.

Penso a tutte queste persone sopravvissute a guerra prima e naufragio poi. Chi ci sarà? Quali capacità e talenti? Quali abilità si sviluppano imparando sulla pelle l’arte di sopravvivere? Quali standard di vita?

Di certo il boia centenario ha avuto una morte più dignitosa di loro. Immagino che lui approvasse questo genocidio nel Mediterraneo. Roba da fargli ricordare i bei vecchi tempi di gioventù…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...