antropologia

Pasolini e la mutazione antropologica

Un interessante articolo su Pasolini (da pagine corsare) e la sua analisi antropologica del secondo dopoguerra italiano ricorda come la sua critica alla cultura di massa  osservava che fascista e antifascista sarebbero diventati indistinguibili. Suona come una profezia. L’idea che la massificazione non minaccia i valori dei dominanti ma i dominati oggi è difficilmente contestabile. Abusi, frustrazioni, consumi coattivi sono sotto gli occhi di tutti.

Pensare che di un intellettuale così i più citano quasi esclusivamente – naturalmente senza approfondire – la critica ai manifestanti che fecero a botte con i poliziotti…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...