antropologia

In principio non fu il baratto ma il credito.

Un articolo di Adriano Favole su baratto, moneta, debito.

In principio non fu il baratto ma il credito. E il giubileo finanziario per evitare la schiavitù
Le ricerche smentiscono Adam Smith e la visione individualista della società

04-boccalini_02«C’erano una volta e in paesi lontani… i popoli del baratto. Joshua, uno degli abitanti, aveva bisogno di un paio di scarpe, ma attorno a sé aveva solo patate. Per fortuna il suo vicino Henry produceva scarpe e voleva mangiare patate: i due ricorsero al baratto per soddisfare i loro bisogni. Le cose però non erano così semplici: Henry a un certo punto non ne poteva più di patate e a Joshua non servivano altre scarpe. Certo, altri attori potevano entrare in gioco con i loro beni, ma il baratto si rivelò inadeguato a società più complesse. L’invenzione della moneta semplificò il quadro. Misurando il valore delle merci, essa rese più agevoli gli scambi. Ancora una volta però le cose non erano così semplici: alcune persone cominciarono a richiedere crediti e finirono per indebitarsi. Nacquero così istituzioni per tenere a bada i debitori e garantire le restituzioni…».

Il resto ci porta più o meno fino alla Grecia di Syriza. Quella del baratto originario è, in realtà, una fiaba della scienza economica, sostiene David Graeber in un libro che ha creato un interessante dibattito anche in Italia (Debito, il Saggiatore, 2012) e da cui ho tratto, sintetizzandola, la storiella iniziale. Un mito che gli economisti ripropongono dai tempi di Adam Smith, ma che non ha alcun riscontro né nella storia né nell’etnografia, né tra i primitivi antenati dell’Occidente né tra gli abitanti di altre parti di mondo. «Noi — scrive Graeber — non abbiamo cominciato col baratto, per poi scoprire la moneta e alla fine sviluppare un sistema di credito. È successo proprio l’opposto». Non è il baratto la categoria fondante delle economie e delle società umane, bensì il debito.

Nella piccola comunità di Joshua e Henry le patate si possono sì scambiare con delle scarpe, ma lo scambio sarà con tutta probabilità differito nel tempo. Joshua «dona» a Henry dei tuberi che ha in abbondanza, rendendo Henry un debitore. «Questo debito è l’essenza stessa della società ed esisteva prima ancora del denaro e dei mercanti». Il «debito» si basa sulla fiducia e sulla relazione sociale: la mitica società del baratto, un totem dell’economia neoclassica perché ha al centro l’atomo individuale dell’homo oeconomicus, non è mai stata ritrovata né dagli storici né dagli antropologi. Di società che praticano il baratto è pieno il mondo ma, a parte periodi tormentati, esso è un fenomeno marginale che per lo più si attua con gli stranieri.

Non è un caso che le prime forme di scrittura ritrovate in Mesopotamia e datate oltre 5.000 anni fa fossero tavolette d’argilla su cui i sacerdoti dei templi registravano i debiti dei contadini. L’ammontare del debito era commisurato a quantità di grano o di argento che fungevano da «moneta virtuale». Le monete fisiche comparirono molto più tardi, verso il 600 a.C. Se ci spostiamo dalla storia all’etnografia, ritroviamo molte società in cui, tuttora, una parte importante dell’economia si basa sul dono e sul debito reciproco. Lo schema di Adam Smith viene così rovesciato: il debito e i sistemi creditizi sono all’inizio della storia (e, a volte, anche alla fine).

Nella prospettiva di Graeber, il debito è così importante da divenire un autentico «fatto sociale totale», a partire dal quale prendono forma istituzioni, pratiche e credenze che ritroviamo nelle stesse società contemporanee. Templi e sacerdoti, capitali e sovrani si fecero garanti dei debiti, coniando monete e «pagherò» di varia forma, ma seppero anche sfruttare il fenomeno a loro vantaggio, imponendo interessi e tributi. Il controllo della moneta permise di sorvegliare e punire i debitori. Accadde e accade spesso nella storia che intere schiere di popolazione non siano più in grado di far fronte ai loro debiti: esse finirono in schiavitù, cedettero le donne come prostitute oppure furono «redente» (liberate, assolte) attraverso giubilei finanziari.

Il debito è così importante per le faccende umane che il lessico e le credenze di molte religioni alludono a redenzioni e remissioni come vie di salvezza, concepiscono la vita come un «debito» verso la divinità e gli antenati, presentano il «conto» dopo la morte a coloro che non hanno rispettato i vincoli del debito. «Non è un caso — scrive ancora Graeber — che la prima parola che ci è stata tramandata con il significato di libertà sia il termine sumerico amargi, che stava per “libertà dai debiti” e che in senso letterale significava “ritorno alla madre”: quando veniva dichiarata bancarotta, infatti, tutti i pegni offerti come garanzia del debito potevano “tornare a casa”».

Un’attenta lettura della storia e dell’etnografia insegna dunque che, quando il debito interpersonale che fonda il legame sociale si corrompe in debito di massa, dando vita a schiere di debitori che marciano sull’orlo dell’abisso, la scelta è tra il renderli schiavi, il creare buone condizioni di vita perché possano restituire i loro debiti o ancora dichiarare un giubileo universale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...