Formazione ed educazione

Formazione ed educazione

“Molti di coloro che convivono quasi quotidianamente con la violenza ritengono che essa sia un aspetto intrinseco della condizione umana. Ma non è così. La violenza può essere prevenuta. Le culture violente possono essere rovesciate”.

Nelson Mandela (tratto dalla premessa al rapporto OMS su violenza e salute)

Si nasce femmina e maschio, ma questa diversità biologica viene costruita culturalmente: rosa/azzurro, bambola/camion, danza/calcio, classico/scientifico, inducendo a credere che a donne e uomini corrispondano ruoli e comportamenti biologicamente definiti, ritenuti quindi “naturali” invece che “culturali”.

La Convenzione di Istanbul  contro la violenza sulle donne, recepita e approvata dal nostro Parlamento, individua come cruciali educazione e formazione a prevenzione e contrasto delle violenze.

Articolo 14 – Educazione

Le Parti intraprendono, se del caso, le azioni necessarie per includere nei programmi
scolastici di ogni ordine e grado dei materiali didattici su temi quali la parità tra i sessi, i
ruoli di genere non stereotipati, il reciproco rispetto, la soluzione non violenta dei conflitti
nei rapporti interpersonali, la violenza contro le donne basata sul genere e il diritto
all’integrità personale, appropriati al livello cognitivo degli allievi.
Le Parti intraprendono le azioni necessarie per promuovere i principi enunciati al
precedente paragrafo 1 nelle strutture di istruzione non formale, nonché nei centri sportivi,
culturali e di svago e nei mass media.

Articolo 15 – Formazione delle figure professionali
Le Parti forniscono o rafforzano un’adeguata formazione delle figure professionali che si
occupano delle vittime o degli autori di tutti gli atti di violenza che rientrano nel campo di
applicazione della presente Convenzione in materia di prevenzione e individuazione di tale
violenza, uguaglianza tra le donne e gli uomini, bisogni e diritti delle vittime, e su come
prevenire la vittimizzazione secondaria.
Le Parti incoraggiano a inserire nella formazione di cui al paragrafo 1 dei corsi di formazione in materia di cooperazione coordinata interistituzionale, al fine di consentire
una gestione globale e adeguata degli orientamenti da seguire nei casi di violenza che rientrano nel campo di applicazione della presente Convenzione.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...